NOTTI DI LUNA CALANTE

Angoscia per amicizie che svaniscono
Riflessione su cause ed argomenti
ritrovar fonte ove speranze nascono
arduo compito per occhi piangenti.

Ti cerco, tu che mi amavi
ti cerco, tu anima sublime
dove sei, tu che di me ti allietavi
dove sei, tu al denigrare incline.

Quante parole, innumerevoli promesse
dove sei ? Ú presto detto
di me hai scevro l'interesse
a prediletto fantoccio mi hai eletto.

Altra entitÓ da me hai allontanato
le tue mosse hanno in lei dato sospetto
del suo amor son ancor infatuato
ma del satanico tuo riso son al cospetto.

Vuoto profondo, il mio unico conforto
o mente mia non dar soddisfazione
a colei, che raggiante nel suo torto
continua a donarmi becera derisione.

Rider˛ per ritrovare il sereno
come non so, per me Ŕ inconsueto
penso a colui che nel suo viaggio terreno
disse "temi l'ira del mansueto".

Rilassante evento Ŕ l'aurora
a codesta speranza ogn'or vacillante
anche se patir˛ ancora
tremende notti di luna calante.

ROCCIOSO